Home / Territorio - bonifica - agricoltura / Sistema Cilento Spa: Onorati sfida Feola e Valiante

Sistema Cilento Spa: Onorati sfida Feola e Valiante

SISTEMA CILENTO – ELEZIONE DEI VERTICI SOCIETARI: IL CILENTO DIFENDE LA SUA AUTONOMIA
La Sistema Cilento Spa, a seguito delle polemiche suscitate da Simone Valiante e da Marcello Feola sul rinnovo dei vertici aziendali e dopo l’increscioso articolo firmato da Carmela Santi sul quotidiano “La Città”, denuncia la totale strumentalità delle accuse rivolte dai due esponenti politici al confermato Presidente Ing. Nello Onorati e richiama la stampa ad un corretto rapporto con la verità dei fatti.
In merito alle accuse sulla regolarità del procedimento di rinnovo dei vertici è opportuno sottolineare che il Presidente Onorati ha sottoposto all’assemblea regolarmente convocata, e per tanto legittima nella composizione e nei numeri, una proposta di inversione dell’ordine del giorno che è stata approvata all’unanimità dai presenti. Nel momento in cui sono sopraggiunti altri componenti è scattata una polemica del tutto pretestuosa: il Presidente Onorati ha, infatti, riammesso al voto tutti coloro che ne avevano diritto.
Riguardo alla presenza delle forze dell’ordine è bene specificare che queste sono state chiamate ad intervenire da Simone Valiante per motivi che erano e restano incomprensibili. Il fatto che, poi, siano rimaste in disparte a seguire l’assemblea dimostra quanto inutile fosse tale intervento. Sarebbe stato più opportuno lasciare che svolgessero i loro compiti in maniera proficua, come sempre fanno, piuttosto che costringerli a seguire un’assemblea aziendale.
Rispetto, invece, alla esclusione dell’Ente Parco dalla votazione è opportuno chiarire che il Presidente Onorati ha semplicemente preso atto della decisione presa dall’ente in febbraio di dismettere le sue quote nella Sistema Cilento Scpa. La richiesta del Presidente Amilcare Troiano di partecipare alle votazioni era, pertanto, del tutto illegittima, come già comunicatogli con lettera ufficiale e come contestatogli persino da uno dei suoi consiglieri che era presente in assemblea.
Sulle valutazioni di tipo politico fatte da Valiante e Feola, il Presidente Onorati ha risposto:  “Questo inedito asse provinciale tra Pd e Pdl era certo di spuntare un risultato che invece non c’è stato. L’assemblea ha riconosciuto la qualità del lavoro svolto e ha ritenuto di confermarmi in questo incarico che considero un onore ricoprire. La verità è che il Cilento ha battuto Salerno, e sia Feola che Valiante dovranno farsene una ragione. I loro piani eterodiretti sono falliti e il territorio ha difeso la sua autonomia”.
“Voglio anche far notare – prosegue Onorati – che sia Feola che Valiante sono stati presenti giusto il tempo che bastava a sollevare inutili polemiche sulle nomine e quando l’assemblea è passata a discutere delle questioni di merito, come il bilancio consuntivo 2010 e quello previsionale 2011, sono usciti dall’aula”.
In merito al racconto giornalistico dell’accaduto il Presidente Onorati ha aggiunto: “Nella cronaca riportata su “La Città” voglio far notare che la giornalista, Carmela Santi, ha ritenuto di sentire e riportare le parole di tutti tranne che del Presidente”.
In conclusione Onorati ha aggiunto: “Ora è necessario mettere da parte le polemiche e riprendere a lavorare per il futuro e lo sviluppo del territorio. È un appello che ho già rivolto ieri in assemblea  e che oggi voglio ribadire con forza. Noi andremo avanti a lavorare sulle questioni di merito e sulle priorità vere del Cilento”.

About Redazione

Controlla anche

Come cambiano i tempi! Adesso, la Regione Campania non si fa “Schiaffeggiata” dal Consorzio di Bonifica di Paestum, ma reagisce con una commissione d’inchiesta

Relativamente alle elezioni al Consorzio di Bonifica di Paestum il nostro sarà un commento distaccato, …