Home / Salute e Sanità / La sanità che diventa solo un business è anche disumana e selvaggia

La sanità che diventa solo un business è anche disumana e selvaggia

“Giornata di studio” sul tema proposto dal libro di

Gerardantonio Coppola

Sanità senz’anima

Venerdì 14 marzo 2014 alle ore 15.30,

presso l’Ordine dei medici di Salerno –

Sala conferenze, Via SS. Martiri Salernitani,31

Giornata organizzata con il contributo della

dottoressa Franca Grosso

(sociologa e Dirigente Responsabile S.S. “Qualità Assistenziale, Formazione, Relazione con l’Utenza per la Promozione della salute” ambito Distretto 66, Salerno, e P.O. da Procida, ex A.S.L. Salerno 2).

In effetti – evidenza la dottoressa Franca Grosso – si tratta di confrontarsi e discutere con chiarezza di cosa è stato, in questi anni, il mondo sanitario e di individuare le giuste soluzioni per restituire dignità e valore alle persone in una sanità che sta morendo di economia, ma anche di disorganizzazione e di malaffare.

Così come viene sottolineato testualmente nella brochure:

A 35 anni dall’avvio del Servizio Sanitario Nazionale cosa ne è della Sanità? Cosa ne è di quel Servizio che l’OMS fino al 2000 classificava al secondo posto nel mondo? Quali sono le sue patologie? Sono queste le domande che il convegno, a partire dal libro di Gerardantonio Coppola, vuole analizzare”.

Come è stato detto, in più occasioni, il libro Gerardantonio Coppola – Sanità senz’anima – è utile non solo perché consente di conoscere ed avere coscienza dei difetti del sistema sanitario italiano, ma di mettere in luce fatti e misfatti che per gli addetti ai lavori e non può essere considerato un testo universitario per gli studenti di Medicina o di Economia ed anche del Management sanitari che, spesso, incappano in palesi contraddizioni….

Il libro di Coppola, inoltre, mette a fuoco una realtà conosciuta e vissuta dall’autore ed in esso vengono trattati argomenti, come la comunicazione ed il potere, il “capitale umano” e quello finanziario le eccellenze ed il “degrado” professionale ed umano per le varie negligenze che, talvolta, costa la vita al malato-utente.

Donatella de Roberto

Sociologa e Dirigente Comunicazione/Urp

Distretto Sanitario Capaccio Roccadaspide

Allegato 1 _bozza flyer_sanit_senzanima (1)

Allegato 2 _ Rassegna stampa_sanità senz’anima

Allegato 3 _ Dott.ssa Franca Grosso

About Redazione

Controlla anche

Salvatore Scarico, il macellaio che guarda soprattutto alla qualità della carne. Un occhio all’animale, dalla nascita al taglio

“Arte Alimentare”, dove gustare diventa arte,  un punto di riferimento di eccellenza a Capaccio Paestum. …