Home / News / Il Consorzio Salerno Trading sempre più impegnato per lo sviluppo delle aziende, adesso con i suggerimenti del prof. Milani

Il Consorzio Salerno Trading sempre più impegnato per lo sviluppo delle aziende, adesso con i suggerimenti del prof. Milani

  • Il prof. Leonardo Milani, che è stato ospite di  RAI 1
  • lo scorso 25  giugno 2017
  • nella trasmissione dedicata alle Frecce Tricolori,
  • la pattuglia aeronautica nazionale,  
  • di cui è Mental Trainer dal  2001,
  • viene intervistato dalla dottoressa Marina Baldi,
  • executive del Consorzio Salerno Trading.

La crisi economica ha travolto tutti non escludendo quella personale e sociale.

Oggi sono in molti a dare o fare ricette, ma con scarso risultato perché, spesso, – così come evidenzia il prof. Milani – manca la “consapevolezza  di un senso di gratitudine verso noi stessi e verso chi ci ha aiuta a crescere. Ovviamente, se si parte da questo si diventa più consapevoli di chi siamo e del perché siamo quello che siamo. Tutto ciò determina l’aumento della percezione della tolleranza ed aiuta ad avere un rapporto migliore con gli altri, siano essi i familiari o coloro che lavorano con noi. La rabbia, la tensione o il rancore uccidono i sentimenti e creano false priorità e disturbi all’organismo”.

Proprio partendo dalle riflessioni del prof. Leonardo Milani, abbiamo chiesto alla dottoressa Marina Baldi, executive del Consorzio Salerno Trading, un contributo,  attraverso il prof. Milani, che è stato ospite di  RAI 1 lo scorso 25  giugno 2017  nella trasmissione dedicata alle Frecce Tricolori,  la pattuglia aeronautica nazionale,   di cui è Mental Trainer dal  2001.

In merito va detto che il prof. Milani si occupa, tra l’altro, anche della  formazione alle imprese del Consorzio Salerno Trading, Consorzio di internazionalizzazione  di produttori principalmente del  food & wine,  da  più  regioni d’Italia, con sede presso la  Provincia di Salerno ( per maggiore approfondimento – vedi: Allegato 1-Consorzio Salerno Trading – Allegato 2_ foto).

A tal proposito vale la pena ricordare il concetto più volte espresso dal prof. Milani proposito della formazione alle imprese: “Al di là dei brand conosciuti potrebbe divenire eccellenza nel mondo qualsiasi azienda che desidera fare la differenza! Anche le Frecce Tricolori come la Ferrari hanno iniziato con un’idea e un team di persone che avevano un sogno comune.

La leggenda si costruisce nel tempo ed ogni persona o imprenditore ha i talenti per farlo!”

Nell’ intervista  al prof. Leonardo Milani sono emersi concetti fondamentali per la formazione e lo sviluppo dell’impresa, dell’io e dei rapporti sociali dell’uomo all’interno di una comunità. Inoltre emerge anche di come superare la pigrizia mentale e fisica di un essere sociale per essere utile alla collettività.

Premesso che il Prof. Milani, come è stato riportato sopra,  è stato ospite di  RAI 1   lo scorso 25 giugno 2017 nella trasmissione dedicata alle Frecce Tricolori,  la pattuglia aeronautica nazionale,  di cui è Mental Trainer dal 2001. Psicologo e docente di «Psicologia del benessere»,  termine da lui coniato, con  proprio marchio  registrato.

Sin dagli anni ’90  collabora  con l’Aeronautica Militare quale  docente di Leadership Interiore presso la Scuola di Guerra Aerea.

Su incarico del Ministero della Difesa Aeronautica (Sicurezza del Volo),  svolge formazione nell’ambito della prevenzione d’incidenti aerei  con le tecniche di ottimizzazione della prestazione mentale. Autore della monografia Prevenzione Incidenti, tecniche di ottimizzazione delle prestazioni psicofisiche e docente  del Corso di Laurea in Scienze Aeronautiche dell’Università di Firenze, il prof. Milani collabora con importanti testate giornalistiche televisive e radiofoniche.

Interviene in qualità di esperto nei programmi in onda sulla Rai (Tg Due Salute, Medicina 33), su Raisport, Skysport e Radiouno nell’ambito di servizi  con focus  sulla formazione  personale.  Si occupa della formazione di atleti d’interesse nazionale ed internazionale, calciatori e piloti racing, e di formazione  presso  aziende,  Enti ed Istituti Bancari.

Intervista a Leonardo Milani 

Lei ha coniato la definizione “Psicologia del Benessere”, cosa vuol dire?

<< Ho elaborato il metodo di psicologia del benessere nel 1989, registrandolo. In particolare si occupa di tecniche di psicologia del benessere, metodo che trae origine dalla psicologia cognitivo-comportamentale, ma che ha sviluppato nella percezione di sé e nelle emozioni un percorso valido di cambiamento e miglioramento.  Il volume “La psicologia del benessere” che ho pubblicato nel 2004  ne riporta i contenuti>>.

Nelle relazioni con gli altri, quali sono gli atteggiamenti mentali giusti?

<< 1. Ascoltare per comprendere e non per rispondere.

  1. Accettare le opinioni soprattutto quelle diverse dalle nostre, senza giudicare e creare convinzioni assolute>>.

Come si può migliorare  la propria performance personale e sociale,  lavorando sul rapporto mente e corpo?

<< Quando si migliora e si vede il mondo con gli occhi della propria realizzazione si diventa più consapevoli di chi siamo e del perché siamo quello che siamo. Questa consapevolezza aiuta ad avere un senso di gratitudine verso noi stessi e verso chi ci ha aiutato a crescere. Aumenta la percezione della tolleranza e aiuta ad avere un rapporto migliore con gli altri, siano essi i familiari o coloro che lavorano con noi. La rabbia, la tensione o il rancore uccidono i sentimenti e creano false priorità e disturbi all’organismo.

Dare se stessi in modo sereno crea un effetto benefico anche alle persone che ci circondano>>.

Quali sono gli atteggiamenti mentali vincenti per poter migliorare se stessi e le proprie  prestazioni?

<<Oltre al fatto di avere talento e conoscenza tecnica, un buon atteggiamento mentale positivo realistico in uno stato di rilassamento e di equilibrio. Le tecniche che abbiamo elaborato per questo obiettivo lavorano sulla percezione di sé. Anche perché il maggior nemico di noi stessi è il pensiero negativo. I nostri limiti infatti non sono rappresentati da ciò che conosciamo o non conosciamo, ma da ciò che crediamo vero>>.

Come possiamo  gestire al meglio i nostri stati d’animo e diventare padroni dei nostri pensieri?

<<Far leva sul tre importanti forze: fisiologia, focus e linguaggio.

Fisiologia: corpo e mente sono collegati, possiamo utilizzare il nostro corpo per influenzare positivamente i nostri pensieri.

Focus: ciò su cui poniamo la nostra attenzione diventa la nostra realtà, che è sempre strettamente soggettiva. Se mi focalizzo su un particolare, perdo di vista l’insieme.

Linguaggio: le parole che utilizziamo per descrivere un’esperienza, diventano la nostra esperienza stessa. Ogni parola porta con sé una carica emozionale; utilizzare parole che descrivono la stessa esperienza, con carica emozionale inferiore o maggiore a seconda della necessità, può cambiare la nostra giornata>>.

Cosa è limitante e penalizzante nella crescita personale?

<<Avere rabbia inespressa e serbare rancori è fortemente penalizzante nel raggiungimento dei propri obiettivi, genera una personalità non equilibrata.

Segnali  di stress sono  ad  esempio la diffidenza,  l’ansia, dimenticanze varie, mangiare in modo disordinato, fare più cose insieme, perdere la memoria e dimenticarsi di ciò che abbiamo appena pensato ed alcuni disturbi psicosomatici come la cefalea tensiva, disturbi all’apparato digestivo, disturbi del sonno…>>.

In campo imprenditoriale, nel settore bancario e in altri,  la formazione perché è  importante, quali risultati produce, sono  immediati oppure  a medio/lungo  termine?

<<In azienda, sia per i leader, sia per tutti i collaboratori abbiamo verificato che la formazione pratica aumentano le motivazioni e il benessere personale, fonte di elevata produttività. Oggi in particolare mi chiedono di sviluppare principalmente tematiche legate al team e alla gestione dello stress. In questo campo abbiamo sviluppato una tecnica che in 7/10 minuti permette di recuperare 3 ore di sonno profondo.

Le aziende con cui collaboro hanno un immediato riscontro delle alte prestazioni, ma ciò che è più importante è la maggiore produttività economica a lungo termine.

Chi investe sulle persone, che sono la più grande risorsa aziendale, ha benefici verificabili. Chi non crede nelle proprie persone fa poca strada o ha sbagliato selezione>>.

Su quali caratteristiche personali è fondato il lavoro di una squadra vincente?

<<Innanzitutto il fare bene, evitando mediocrità e superficialità.

Poi l’eccellenza si sviluppa attraverso un atteggiamento mentale positivo che ci permette di fare il proprio lavoro guardando il risultato. Importante è il concetto di Ego Zero, ovvero lavorare per la squadra al di là dei propri obiettivi personali, evitando invidie ed  “orticelli” .

Quando si comprendono alcuni piccoli concetti comportamentali l’azienda fa un salto di qualità tangibile>>.

Quali sono le differenze e nella formazione di un calciatore e di un pilota delle Frecce Tricolori?

<<Il pilota ha la necessità di essere lucido e perfetto nelle manovre o nella guida nonostante l’enorme fatica che fa. La differenza sostanziale è che quando si sbaglia in volo si paga con la vita. Il calciatore è sicuramente più rilassato!>>.

Quali valori si trasmettono alla società nell’addestramento di personalità così rappresentative?

<<Si cerca di trasmettere il senso dell’onestà e il senso del dovere perché una persona visibile o famosa deve essere un esempio per tutti.

Per la mia esperienza nessuna persona troppo ricca senza valori diventa felice; anche so non sono così stupido da pensare che le risorse economiche non servano!

I piloti delle Frecce sono una categoria a parte. Guadagnano stipendi normali, ma hanno un senso del dovere e della Patria straordinario. La passione e l’eccellenza sono i motori della loro motivazione>>.

I piloti delle Frecce Tricolori  hanno quindi un ruoli di Ambasciatori dell’eccellenza italiana?

<<Si, sono fortemente consapevoli della loro importanza istituzionale ed hanno un comportamento di rappresentanza che raramente si vede in altre sfere sociali. L’eccellenza diventa un’abitudine a fare bene al primo colpo. Nonostante questo e il riconoscimento che gli attribuiscono l’umiltà personale e professionale sono tangibili in ogni pilota che viene selezionato a far parte di questo team.

Ma al di là dei brand conosciuti potrebbe divenire eccellenza nel mondo qualsiasi azienda che desidera fare la differenza! Anche le Frecce Tricolori come la Ferrari hanno iniziato con un’idea e un team di persone che avevano un sogno comune.

La leggenda si costruisce nel tempo e ogni persona o imprenditore ha i talenti per farlo!>>.

Allegato 1-Consorzio Salerno Trading

Allegato 2_ foto

About Redazione

Check Also

Il Comune di Albanella e l’“Associazione Meridiani” organizzano dal 21 al 27 agosto 2017, la decima edizione della rassegna nazionale dell’editoria: “ Un libro sotto le stelle”

Dario Fo, diceva: “La cultura non è un optional. Senza la cultura non c’è popolo. …