Home / Questione Meridionale / “Questione meridionale” e ruolo della Società Geografica Italiana

“Questione meridionale” e ruolo della Società Geografica Italiana

Finalmente si parla di “Questione meridionale”

Roma Mercoledì, 15 febbraio ore 11.45 – Biblioteca del Senato – Sala degli Atti Parlamentari – Piazza  della Minerva, 38

Continua l’impegno della la Società Geografica Italiana soprattutto nelle valutazioni dell’impatto ambientale per la gestione e la salvaguardia delle risorse, nei programmi internazionali di cooperazione allo sviluppo, nella realizzazione di carte dell’Italia per la gestione di aree a rischio.
Con un Convegno organizzato ad hoc a Roma sarà illustrato la nona edizione del RAPPORTO ANNUALE 2011.
Questa volta è incentrato sul  Mezzogiorno dal titolo “ il Sud, i Sud: Geoeconomia e geopolitica della questione meridionale”
Il confronto prevede la presenza del Ministro Fabrizio Barca, Ernesto Mazzetti, Tullio D’Aponte, Marco Esposito, Raffaele Fitto, Adriano Giannola, Vito Santarsiero, Virman Cusenza (Vedi Allegato 1 e 2).
Ma come nasce, cosa è o meglio rappresenta per l’Italia la Società Geografica?
Dai documenti ufficiali si rileva che essa è stata  “ Fondata a Firenze nel 1867, trasferita nel 1872 a Roma, nuova capitale dell’Italia unita, la Società Geografica Italiana organizzò e patrocinò spedizioni in Africa, Sudamerica, Asia centrale e Papuasia. L’attività di viaggi ed esplorazioni, strettamente connessa alla politica coloniale dell’Italia d’inizio Novecento, fu abbandonata dopo la seconda guerra mondiale, quando la Società cominciò a lavorare come un istituto culturale legato al mondo della ricerca universitaria”.
In sintesi si tratta di un “ Ente morale tutelato e vigilato dallo Stato, onlus, istituto culturale, ha forma associativa con circa 1600 iscritti, degli archivi ricchissimi e riorganizzati di recente, un archivio fotografico con oltre 150 mila fotografie, una cartoteca di notevole valore storico-artistico e scientifico con circa 100 mila pezzi. La biblioteca specializzata di oltre 400 mila volumi, fra cui diverse migliaia di rari, è in collegamento informatico con il Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) ed è considerata la più importante d’Italia e una delle più ricche d’Europa in ambito geografico.
Pubblica ininterrottamente, dal 1868, una delle più antiche riviste accademiche di Geografia al mondo, il “Bollettino della Società Geografica Italiana”, con articoli, notizie e recensioni, oltre a volumi e cataloghi specialistici; occasionalmente volumi prestigiosi con editori specializzati.
Negli ultimi anni, oltre alla missione di tutelare e rendere fruibile agli studiosi un importante patrimonio culturale, la Società Geografica Italiana segue la vocazione di istituto di ricerca che produce attività aperte al pubblico (mostre, convegni, seminari) e studi utili alla collettività in campo geografico ma non solo. Lo dimostra la pubblicazione di un Rapporto annuale dedicato a temi di attualità per il nostro Paese, dal 2003: Immigrazione, Infrastrutture, il ruolo dell’Italia nel Mediterraneo, l’allargamento dell’Europa, Turismo e territorio, il sistema urbano e metropolitano in Italia, il Paesaggio tra nostalgia e trasformazione”.

Allegato 1-Sud_Società_geografica

Allegato 2- INVITO

About Redazione

Controlla anche

Il Presidente Mattarella ha riconosciuto a Giuseppe Carmine Soriero, l’impegno di una vita al servizio della collettività, soprattutto meridionale

  Il Capo dello Stato, on. Sergio Mattarella, ha insignito l’onorificenza di Cavaliere di Gran …