Home / Articoli / L’amicizia e la musica danno vita ad una straordinaria Band pop “The Others”, guidata dal prof. Giuseppe Funicelli

L’amicizia e la musica danno vita ad una straordinaria Band pop “The Others”, guidata dal prof. Giuseppe Funicelli

 

La musica: un buon hobby come antidoto contro lo stress e l’imprevedibilità della vita

Nicola Nigro

di Nicola Nigro

Dall’amicizia alla band Rock-Pop:  “The Others”, il passo è breve. Per il prof. Funicelli, un modo come un altro per superare l’imprevedibilità di un intervento chirurgico. Il medico non è un Dio e come uomo è soggetto ad errori, spesso imprevedibili, nonostante le competenze e le dovute attenzioni, e a volte, si porta l’angoscia di un intervento per tutta la vita.

prof. Giuseppe Funicelli

Il prof. Giuseppe Funicelli è una persona particolare perché oltre ad essere un ottimo chirurgo è un poeta, uno scrittore una persona socievole e molto impegnato nel sociale. Non a caso è il presidente di un prestigioso Premio Internazionale di Poesia “Poseidonia Paestum” che è arrivato alla XXVI Edizione.

Proprio in virtù alla sua carica emotiva e le sue dote caratteriale che comprende: il rispetto, la sincerità, la fiducia e disponibilità verso il prossimo che gli è stato facile promuovere, circa 10 anni fà, con i suoi amici di sempre, una band Rock-Pop internazionale, denominata:  “The Others”.

Come evidenzia spesso il prof. Funicelli l’importanza nella vita, di tutti noi, è l’amicizia il volano di tutto, con la capacità di influenzare buona parte delle nostre capacità culturale rendendoci più forti e, quindi amare di più la vita. Quindi, la letteratura, la musica e l’arte rafforzano straordinariamente l’amicizia.

Per questo – secondo il prof. Funicelli –  gli amici, quelli buoni e quelli veri, sono coloro che ti tirano fuori il meglio di te, anche quando ti mettono in crisi.

Se guardia dietro di noi anche il grande Cicerone diceva che l’amicizia è qualcosa che ci rende liberi da qualsiasi vincola, anche politico se è vera amicizia. Sempre Cicerone scriveva:  “Tutti sanno che la vita non è vita senza amicizia, se, almeno in parte, si vuole vivere da uomini liberi”.

Coltivare un’amicizia richiede impegno, volontà e, a volte, qualche piccolo sacrificio.

Un altro fatto non trascurabile è il fatto che l’amicizia cambia in base all’età: più si è adulti, meno amicizie strette si hanno per questo le iniziative culturali fanno recuperare il passato e, rendono il presente più vivibile e fanno anche recuperare le persone più importanti della nostra vita che nel tempo si erano perdute. E per rafforzare i concetti del prof. Funicelli, mi richiamo a Madre Teresa di Calcutta, diventata santa, che diceva: “Trova il tempo di essere amico: è la strada della felicità”.

Dott. Guido Carione

Per dirla anche con Gino Paoli che canta: “… Eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo…”, ma noi parliamo di sei amici che si sono ritrovati ed attraverso la musica, non solo hanno reso la loro vita più felice, ma anche degli altri con le loro canzoni e musica. In merito l’ottima intervista per “Pagine del Cilento” – che da anni Alfonso Verruccio ne cura la produzione e la regia – ai componenti della band, dal giornalista Guido Carione che mette a fuoco la vita di eccellenti professionisti prestati alla musica, ovviamente per hobby. Anche Carione ha un  hobby ed è quello di conduttore televisivo e radiofonico. Una esperienza personale che risale ad oltre 30 anni fa a Radio Paestum. Va detto che il giornalista Guido Carione è stato, in assoluti, uno dei miei miglio collaboratori radiofoni, tant’è che mi ha sostituito per periodo anche nella direzione organizzativa. Ovviamente i suoi successi impegni televisivi e lavorativi, non gli hanno consentito di continuare.  Comunque, a proposito dell’intervista, volendo la si può ascoltare attraverso l’allegato link: https://www.youtube.com/watch?v=d2YMCOm4qq8

Ritornando ai protagonisti della band per dare meglio un’idea dei loro impegni professionali ci soffermiamo anche sul  loro lavoro quotidiano.

Se si chiede al Prof. Giuseppe Funicelli, perché suona la chitarrista, ti risponde, ma perché  mi provoca piacere, mi elimina lo stress, mi allontana il dolore e, poi, rafforza le attività del cervello ed alimenta la fiducia in me stesso.

Il lavoro del prof. Funicelli è quello di medico o meglio di Chirurgo dell’apparato digerente e endoscopia digestiva chirurgica, Gastroenterologia, Proctologia. Inoltre ha scritto e pubblicato il testo “Cancro prevenzione e diagnosi precoce “ ed ha eseguito durante la sua carriera circa 60.000 interventi chirurgici.

Come accennavo sopra i suoi impegni culturali e umanistici lo impegnano anche come Giornalista-pubblicista, iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Regione Campania, ed è Direttore Editoriale della rivista mensile “Gea Art “, distribuita nelle più prestigiose Università italiane, nelle edicole e nelle librerie in tut’Italia.

Inoltre è socio fondatore del Lions club di Paestum e dal 1993 è Presidente del Centro Permanente per la diffusione della Cultura. A ciò va aggiunto il suo ruolo di promotore del Premio Internazionale di “Poesia Poseidonia – Paestum” che si svolge ogni anno a Paestum nell’area Archeologica. Va anche ricordato che è vincitore di numerosi Premi a concorsi Nazionali ed Internazionali di Poesia. In aggiunta va detto che ha pubblicato nel 1982 una raccolta poetica dal titolo “ Foglie verdi”.

Adolfo Benetti

Adolfo Benetti è il bassista della band ed è quello che determina armonia pizzicando una delle quattro corde e, tenendo il ritmo della canzone. Questo strumento dà modo di poter apprezzare e comprendere l’importanza del ritmo nella musica, facendocela percepire fisicamente quanto emotivamente. Il Basso non è uno strumento più semplice o più difficile rispetto agli altri, ma semplicemente è differente.

La sua attività di Programmatore e di informatico lo impegna molto anche perché è responsabilità Hardware Software e reti., con capacità di Gestione Passepartout, Mexal, volta ad aiutare Commercialisti, Piccole e medie imprese – Contabilità, Magazzino, Produzione. Inoltre la sua professionalità si estende alle regole di E-Governament, Strumenti della P.A. digitale, gare telematiche, Sit, riuso e standard nello sviluppo di software applicativo, chek-up sistemi informa

Maurizio Capuano

tici, Sic, Portale dei servizi.

Maurizio Capuano è il Batterista con tanta energia fisica che contribuisce a raggiungere gli obiettivo suonando molto bene i singoli strumenti a percussione: piatti, rullante, grancassa, campanacci dimostrando che la sua energia fisica è finalizzata al raggiungimento degli obiettivo, ma anche ad entusiasmare l’intero gruppo.

Lavora nel settore scolastico come operatore amministrativo, ha lavorato a Radio Diffusione Calore ed ha  studiato con Again Events che è un gruppo che organizza eventi del salernitano.

Pasquale Curcio

Pasquale Curcio, oltre ad essere chitarrista è anche l’arrangiatore del gruppo che poi è anche il suo lavoro quotidiano. In effetti il suo lavoro consiste nell’organizzazione strumentale e strutturale di talune composizione.

In effetti il ruolo dell’arrangiatore consiste metaforicamente nel “vestire un corpo spoglio” partendo da una composizione nuda e cruda e, poi, plasmare a suo piacimento. Tutte le scelte fatte in sede di arrangiamento debbono essere ponderate per cercare di portare il brano nella direzione emozionale che ha voluto imprimere il compositore.

Ing. Antonio Pio Marino

Quindi il maestro Curcio si occupa dell’adattamento di un brano musicale a strumenti diversi da quello a cui era originariamente destinato.

Antonio Pio Marino suona la Chitarra ritmica che consiste in uno strumento musicale di accompagnamento, facendo parte della cosiddetta sezione ritmica che è in sinergia con la batteria e il basso.

Come si sa la funzione principale del chitarrista che esegue l’accompagnamento è quella di garantire la chiarezza di suonare un dato ritmo all’interno della base armonica della melodia. In poche parole, il chitarrista crea la struttura ritmica e armonica di un brano musicale.

La quotidianità del lavoro di Antonio Pio Marino è quello di insegnate ed ingegnere. Egli si è laureato all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, prima ancora ha frequentato liceo scientifico Paolo Giovio – Como. Vive a Trentinara.

Mario Marino

Il musicista Mario Marino è il tastierista e la voce della Band. Marino è un musicista nato ed  esercita, da oltre 50 anni, proprio questa professione. Sono in molti ad accumunarlo ad un componente del gruppo più famo i “Pooh” ed addirittura viene considerato, da qualcuno, il sesto componente dei Pooh. Ovviamente questo accostamento non è casuale perché la sua voce naturale e la sua tecnica melodica è molto simile. Ha iniziato suonando la fisarmonica, poi dall’età 12 anni è passato alla tastiera con tutti i successi che ne sono scaturiti.

Cristina Mazzaccaro

Nell’occasione del concerto relativo ad una serata speciale di cui sono scaturita le riprese di  “Pagine del Cilento”, ne ha preso parte anche la cantante Cristina Mazzaccaro, in qualità di ospite, ovviamente il buon Guido Carione non si è fatta sfuggire l’occasione per intervistarla e parlare, con lei, dei suoi successi.

A conclusione, rifacendomi ai concetti espressi dal prof. Giuseppe Funicelli si può dire che la musica allevia lo stress e migliora l’umore e, perché no, determina la concentrazione anche nei bambini.

Dal sito Clinica della Timidezza si può leggere: << l’ascolto della musica può essere una risorsa per la manipolazione attiva degli stati della mente, in ​​quanto permette di raggiungere una visione più ottimista della realtà, evoca sentimenti empatici e di coesione sociale, con senso di affiliazione, e suscita sentimenti di ricompensa. Per queste ragioni, dunque,  la musica potrebbe essere uno strumento per aiutare le persone ad essere più sicure di sé e rilassate nei contesti sociali, mantenendo un alto livello di autostima. Segue una rassegna di studi condotti sulla musica e sulla sua funzione psicologica e sociale>>.

About Redazione

Controlla anche

La Scomparsa di un caro amico: Giovanni Ardolino

La morte di Giovanni Ardolino mi rattrista molto ed un po’ mi sconvolge, se penso …